Consumo critico: che ne pensi di un’App? Faccelo sapere in 4 minuti

Ti interesserebbe avere nel tuo telefono un'App affidabile sul consumo critico che ti permetta di conoscere velocemente l'impatto sociale e ambientale di tutto ciò che compri, per poter fare acquisti rispettosi dei diritti umani e del nostro Pianeta? Osservatorio Diritti sta pensando seriamente di realizzarne una. Ma abbiamo bisogno di tutto l'aiuto possibile. Se vuoi darci una mano, partecipa subito a questo sondaggio

Quando si compra qualcosa, qualunque cosa, si esprime una preferenza. Volenti o nolenti, consapevoli o meno, si sostiene un modello di società a scapito di un altro. Si vota a favore o contro i diritti umani e dell’ambiente. Per una crescita rispettosa delle persone e di ciò che ci circonda, oppure per una sfrenata ricerca del profitto, costi quel che costi.

Di esempi se ne possono fare a bizzeffe. Basti pensare a quando facciamo la spesa. Caffè venduto da una multinazionale o quello del commercio equo e solidale, che va a controllare il rispetto degli agricoltori nelle piantagioni? Arance e pomodori per due soldi e con una buona probabilità di finanziare il caporalato, oppure frutta e verdura un po’ più costosa, ma che dà anche qualche garanzia da un punto di vista sociale e ambientale?

Il discorso è bello e appassionante, ma come si fa ad avere tutte le informazioni necessarie a scegliere? Come si fa a sapere qual è l’impatto che avranno i nostri acquisti? Quali sono le marche che rispettano ambiente e diritti umani e quali quelle che vanno in direzione opposta? In altre parole: come possiamo essere dei consumatori critici e consapevoli nella nostra vita quotidiana?

Ecco, a Osservatorio Diritti ci siamo fatti queste domande. E siamo sempre più convinti che uno strumento in grado di aiutare tutti a fare acquisti in modo critico e consapevole è non solo interessante, ma necessario e urgente.

Un’App per il consumo critico: il progetto sta nascendo…

«Non pretendiamo che le cose cambino se continuiamo a fare nello stesso modo». Da questa potente frase di Albert Einstein ci è venuta un’idea pazza. Questa: fare un’App da scaricare sul cellulare, quindi uno strumento facile e immediato da utilizzare, che dia un giudizio sintetico sui produttori e la possibilità di approfondirne forze e debolezze da un punto di vista del rispetto dei diritti umani e dell’ambiente.

È un progetto ambizioso, sicuramente il più ambizioso tra quelli realizzati finora.

Per questo motivo abbiamo chiesto aiuto a chi ha già avuto un’esperienza molto significativa in passato, il Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Pisa (quelli della famosa Guida al Consumo Critico, tanto per capirci). Un’organizzazione con cui abbiamo sentito subito comunanza di intenti e dove abbiamo trovato gente disposta a valutare insieme l’idea e a lavorare con noi perché la si possa concretizzare.

… ma ci serve una mano!

Vista la complessità del progetto, però, abbiamo deciso che partiremo solo se saremo in tanti ad essere davvero interessati ad avere, usare, condividere e sostenere questa applicazione.

Ti chiediamo quindi 4 minuti del tuo tempo per rispondere ad alcune domande: ci aiuteranno a capire se questo progetto ha basi abbastanza solide per partire e, nel caso, a modellare questa applicazione sul consumo critico in base alle risposte.

Grazie per il tempo che ci vorrai regalare… quando avremo i risultati, sarà nostra premura comunicarti subito i prossimi sviluppi!

PS. Questo sondaggio sarà chiuso domenica 12 dicembre 2021. Per domande, chiarimenti o altro, puoi scrivici a [email protected] indicando come oggetto “App consumo critico – Sondaggio”.

SE LA PAGINA NON SI CARICA CORRETTAMENTE, CLICCA QUI PER PARTECIPARE AL SONDAGGIO

3 Commenti
  1. Nadia Scioscia dice

    La proposta è davvero interessante e penso che possa essere utile sul piano pratico. Potrebbe fare la differenza per favorire un consumo sostenibile

    1. Terry dice

      Trovo questa proposta molto interessante!
      Per ogni consumatore diventare consapevole di chi e cosa sono coinvolti nella catena dalla produzione all’arrivo sugli scaffali, è indispensabile come sapere dove gettare correttamente i rifiuti.
      Grazie

  2. Luigi Mosconi dice

    Molto interessante la proposta. Vedere come fare per agilizzarla e facilitarla il meglio possibile. Non sono internauta professionale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.