Il Festival del Cinema Africano 2021 va online: arriva la 30esima edizione

La rassegna numero 30 del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (Fescaaal) di Milano viene proposta online: dal 20 al 28 marzo 2021 sono previsti 50 film, incontri e dibattiti, oltre a proposte mirate alle scuole. Osservatorio Diritti è media partner dell’evento

Il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (Fescaaal) torna nel 2021 per un’edizione che fa cifra tonda, la numero 30. Quest’anno, vista l’emergenza Covid-19 non ancora superata, la manifestazione si terrà in modalità online: sono 50 i film che saranno proiettati sulla piattaforma Mymovies.it dal 20 al 28 marzo 2021. Anche quest’anno Osservatorio Diritti è media partner del Festival.

Per 9 giorni i titoli presenti all’interno della rassegna saranno disponibili per la visione del pubblico del Fescaal. Oltre ai film, ad arricchire il Festival ci sono gli incontri con gli autori, gli eventi collaterali e numerosi momenti di discussione e approfondimento dedicati alla cultura, all’attualità e alla società di Africa, Asia e America Latina.

Leggi anche:
Festival Cinema Africano 2019: la rassegna d’Africa, Asia e America Latina
Baby: donne e disabilità nel film premiato al Festival del Cinema Africano

festival cinema africano milano
La locandina ufficiale della 30esima edizione del Fescaaal

Per assistere ai film sarà necessaria la sottoscrizione di un abbonamento. Gli eventi e gli incontri saranno invece fruibili gratuitamente in streaming Zoom e sulle piattaforme social del Fescaal.

Il Festival del Cinema Africano, Asia e America Latina è organizzato e promosso dall’Associazione Coe dal 1991.

Leggi anche:
Sorry we missed you: il nuovo film di Ken Loach denuncia la gig economy
Cattive acque: un avvocato ambientalista contro la multinazionale

festival cinema africano asia america latina
Una sequenza tratta da La nuit des rois, film di apertura del Fescaaal 2021

Festival Cinema Africano: i film della rassegna 2021

Sono 50, in totale, i film che nel 2021 compongono il calendario del Fescaal: opere provenienti da Africa, Asia e America Latina, oppure lungometraggi e corti che hanno per soggetto questi tre continenti.

Anche quest’anno il concorso cinematografico si divide in tre sezioni: il Concorso Lungometraggi Finestre sul Mondo, che include lungometraggi di fiction e documentari dai tre continenti; il Concorso Cortometraggi Africani; il Concorso Extr’A, riservato a registi/e italiani/e i cui film sono stati girati in Africa, Asia o America Latina, oppure ad autori e autrici residenti in Italia che hanno raccontato il nostro Paese.

Ad aprire questa edizione è La nuit des rois del regista franco-ivoriano Philippe Lacôte: dopo aver presentato le sue opere nelle più prestigiose rassegne internazionali, come il Festival di Cannes o la Mostra del Cinema di Venezia (lo stesso La nuit des rois è stato presentato a Venezia 77), Lacôte porta al Fescaal il suo ultimo film, nella short list degli Oscar 2021 come Miglior Film Straniero.

La storia è ambientata nell’infernale prigione di Abidjan, Costa d’Avorio, dove a un detenuto è affidato il ruolo di intrattenere con i suoi racconti i condannati a morte.

Iscriviti alla newsletter di Osservatorio Diritti

osservatorio diritti newsletter

I temi del film in concorso, come ogni anno, spaziano: dalle problematiche ambientali di Veins of the World di Byambasuren Davaa, che racconta la battaglia delle tribù nomadi mongole contro le compagnie minerarie, si passa alla storie delle “donne-fotografia” narrate in Celles qui restent di Ester Sparatore; da un’opera originale come Ghiaccio di Tomaso Clavarino che racconta dell’unica squadra di curling in Europa composta interamente da migranti richiedenti asilo, si passa alla commedia Le miracle du saint inconnu di Alaa Eddine Aljem, avventura di un ladro pieno di risorse nel Marocco contemporaneo.

Leggi anche:
Giornata della Memoria: film da vedere per non dimenticare la Shoah
Notturno: il film di Gianfranco Rosi sulla guerra è “troppo” bello

Festival del Cinema Africano, d'Asia e America Latina
Una sequenza tratta da Veins of the World di Byambasuren Davaa, in concorso al Fescaaal 30

Festival Cinema Africano di Milano: novità in programma per l’edizione numero 30

Nel 2021 la novità è che il Fescaaal partecipa a I talenti delle donne, palinsesto promosso dall’assessorato alla Cultura del Comune di Milano, in collaborazione con l’Ufficio Reti e Cooperazione Culturale, con una speciale sezione tematica chiamata Donne sull’orlo di cambiare il mondo. Di questo programma fanno parte film diretti da registe originarie di Africa, Asia e America Latina come il potente Noura’s Dream di Hinde Boujemaa o lo sperimentale Scales di Shahad Ameen.

Alle proiezioni è abbinata, sabato 27 marzo alle 17.30, una tavola rotonda online: Private spaces, global issues, contemporary visions. Come le cineaste dei tre continenti stanno cambiando la visione del mondo. Lo scopo dell’incontro è riflettere sulla presenza delle donne nel cinema e sui temi relativi alla parità di genere e alla promozione di una Settima Arte sempre più inclusiva e diversificata.

Interverranno Annamaria Gallone e Alessandra Speciale (direzione artistica Fescaaal), Farah Polato (ricercatrice di filmologia all’Università di Padova), Michela Occhipinti (regista e presidentessa della Giuria del Concorso Lungometraggi), Beatriz Seigner (regista e giurata del Fescaaal), Hinde Boujemmaa (regista e giurata del Fescaaal) con le registe Hiwot Adamasu, Shahad Ameen, Marìa Paz Gonzàlez e Maryam Touzani.

Leggi anche:
Welcome to Chechnya: gli abusi sulla comunità Lgbt in Cecenia in un film
L’ordine delle cose: il film di Andrea Segre

festival cinema africano
Una sequenza tratta da Noura’s Dream di Hinde Boujemaa, presentato al Fescaaal 30

Fescaaal 2021 tra dibattiti e incontri: il programma

Gli incontri del Fescaaal non finiscono qui. Nel corso di questa 30esima edizione si tiene il quarto appuntamento con AfricaTalks: il titolo è Cityscapes e il tema sono le trasformazioni urbane in Africa. Parteciperanno ai dibattiti anche Yvonne Aki-Sawyerr, sindaca di Freetown, capitale della Sierra Leone, inserita nella BBC List delle 100 donne più influenti del 2020, e l’architetta etiope Rahel Shawl.

MiWorld Young Film Festival giunge alla sua seconda edizione: per gli istituti secondari di primo e secondo grado continua la possibilità di partecipare a proiezioni gratuite dei film del Fescaaal e di partecipare a incontri e dibattiti in collegamento virtuale per conoscere il cinema e la cultura di Africa, Asia e America Latina.

Leggi anche:
Festival del Cinema Africano 2018 al via con “Une saison en France”
Il Film Festival Diritti Umani Lugano 2019 punta su guerre e clima

festival cinema africano 2021
Una sequenza del film Ghiaccio, di Tomaso Clavarino, presentato al Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

Tutti i film per le scuole saranno introdotti da professionisti e accompagnati da materiali didattici per supportare docenti, studenti e studentesse nel lavoro in classe. Sarà possibile partecipare al MiWorld Young Film Festival seguendo il programma delle proiezioni e degli incontri live, oppure nella modalità #MiWYfaidate, che permette di prenotare la visione in autonomia.

La 30esima edizione del Fescaaal – Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina inizia sabato 20 marzo 2021 con l’inaugurazione, in collegamento online, alle ore 19.30. Seguirà alle 20.30 la proiezione su Mymovies.it del film di apertura La nuit des rois. Ultima informazione, tutt’altro che secondaria: tutti film della rassegna sono dotati di sottotitoli in italiano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.