Caporalato: la vera storia di Lucia, raccoglitrice di pomodori in Puglia

Lucia Pompigna, 58 anni, lavora da ormai 30 anni in agricoltura. Ha cominciato con i pomodori, anche se è passata per mille altri raccolti. Vittima di caporalato e sfruttamento per tanto tempo, oggi fa parte del progetto “Donne braccianti contro il caporalato” di NoCap. Ecco la sua storia

«L’attenzione è sempre sui braccianti migranti e uomini. Invece ci sono tante donne italiane che vivono la stessa situazione di sfruttamento, che oltre all’orario di lavoro sfiancante e alla paga ingiusta devono subire le avance sessuali dei padroni e dei caporali».

Lucia Pompigna, 58 anni, tre figli, vive a San Marzano (Taranto, Puglia), dove il lavoro in agricoltura impiega una grossa parte degli abitanti. Anche lei ormai 30 anni lavora nei campi, all’inizio vittima di caporalato.

Leggi anche:
Caporalato: in Puglia è stata l’ennesima “Cattiva stagione”
Braccianti agricoli: regolarizzazione primo passo contro la criminalità

caporalato cos'è
Foto: NoCap

Donne braccianti contro il caporalato: il progetto di NoCap

La storia della donna a un certo punto è cambiata. Lucia, infatti, è entrata a far parte del progetto “Donne braccianti contro il caporalato”, che dà lavoro a circa 50 braccianti pugliesi e lucane vittime di sfruttamento coinvolgendole in quella che è la prima filiera bio-etica contro il caporalato dedicata alle donne.

Il progetto, promosso dall’associazione NoCap in collaborazione con il gruppo Megamark e la rete Perlaterra, garantisce un contratto dignitoso, con 6 ore e mezza di lavoro al giorno e un compenso di 70 euro lordi. Inoltre, le donne possono contare su un alloggio e il trasporto gratuito, con mezzi sicuri.

Leggi anche:
Piana di Gioia Tauro: il coronavirus aumenta lo sfruttamento dei braccianti
Racconti di schiavitù e lotta nelle campagne: il caporalato in Italia

caporalato storia vera
Foto: NoCap

Caporalato in Italia: ecco cosa vuol dire per una donna

«Ero stanca di essere sfruttata nei campi. Quando andavo a lavorare – racconta Lucia – trovavo sempre situazioni spiacevoli: a volte c’era il proprietario che metteva l’occhio addosso alle ragazze, altre volte il caporale che ti ricattava. Alla fine sono loro che decidono se e dove devi andare a lavorare, quante ore e quanto devi guadagnare. Per di più, le donne che lavorano sotto un caporale sono mal viste: sono accusate di non essere mai a casa e si insinua che chissà cosa vanno a fare tutto il giorno».

Lucia ha cominciato raccogliendo pomodori, ma ha lavorato anche con fragole, ortaggi e uva, da aprile fino ad ottobre.

Nel 2017 Lucia ha smesso. «Era comunque una mia scelta. Mi sono accorta che non valeva più la pena di lavorare a certe condizioni, con il caporale che ti urla alle spalle, che ti paga pochissimo e che ti porta in giro su camioncini pericolosi, senza assicurazione e coi freni usurati, che possono rompersi da un momento all’altro. Io ero arrivata a lavorare fino a 12 ore al giorno in magazzino. Allora ho pensato: vale più la mia vita o il mio lavoro? Così ho smesso. Solo quest’anno ho ricominciato, grazie a questo progetto».

Iscriviti alla newsletter di Osservatorio Diritti
osservatorio diritti newsletter

Lotta al caporalato: un tema che non riguarda solo i migranti

Lucia è una delle poche che si è sempre attivata per denunciare le ingiustizie subite, attraverso l’attività sindacale e incontri e tavoli con le istituzioni. Per il suo impegno ha anche subito pressioni, sia da parte dei caporali e degli impresari agricoli, sia delle altre braccianti.

«Mi accusavano di fare casino e rischiare di far perdere il lavoro alle ragazze. L’azienda ha smesso di assicurarmi il trasporto sui campi, mi dovevo arrangiare da sola. Ma il ricatto è soprattutto psicologico: la maggior parte delle persone che lavorano in agricoltura hanno per forza bisogno di guadagnare, non hanno scelta. E la competizione è fortissima: c’è una specie di gara per far vedere chi lavora meglio e di più, perché quando il lavoro cala l’azienda tiene solo i migliori e manda a casa gli altri».

Leggi anche:
Agromafie e caporalato: 430 mila lavoratori a rischio sfruttamento
Caporalato: per l’agricoltura italiana sarà un’estate di diritti violati

caporalato puglia storia
Foto: NoCap

Una storia di contrasto allo sfruttamento

Avviare un progetto di filiera etica in questo contesto non è semplice. «Le donne hanno paura ad aderire. Temono che il progetto duri poco, che poi si torni sotto il caporale e che ci siano ripercussioni. Ci sono caporali che fanno di tutto per sabotarci – dice ancora Lucia – e per convincere le braccianti a tornare a lavorare con loro. E poi è stato difficile trovare aziende disponibili ad aderire. Comunque, si tratta di un progetto appena nato e piano piano le cose stanno iniziando a carburare. È completamente diverso poter lavorare in un ambiente sereno, in cui non ti senti il piede del caporale che ti schiaccia la testa».

Fonte: Redattore Sociale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.