Leah, la Greta Thunberg d’Africa

Anche l'Africa ha la sua Greta Thunberg. Si chiama Leah Namugerwa, ha 16 anni e vive a Kampala, la capitale dell'Uganda. Sciopera tutti i venerdì in difesa dell'ambiente. E coi i genitori ha fatto un patto: potrà continuare a farlo finché avrà ottimi voti a scuola

Si legge cambiamento climatico e immediatamente  si pensa a Greta Thunberg, la ragazza svedese di 17 anni divenuta icona della lotta contro la crisi del clima e dell’impegno per la salvaguardia degli ecosistemi e la tutela dell’ambiente.

Con l’esplosione del Fattore Greta, si è assistito anche alla nascita di emuli e seguaci della ragazza ovunque. Da Mumbai a Melbourne, da Cape Town a Londra, da La Paz a New York, ovunque sono sbocciate le personalità di decine di giovani che hanno dato vita a scioperi e proteste in nome e in difesa dell’ambiente.

Una delle figure più impegnate e tenaci che è emersa da questa marea verde è quella di Leah Namugerwa, sedicenne di Kampala, Uganda, e già ribattezzata dalla stampa ”la Greta Thunberg d’Africa”.

Leah Namugerwa, la Greta Thunberg di Kampala

Leah ha 15 anni e da un anno, ogni venerdì, impugna un cartello giallo con la scritta School strike for climate (Sciopero scolastico per il clima) e si posiziona in uno degli angoli più affollati e trafficati di Kampala, la capitale dell’Uganda.  L’esempio di Greta Thunberg e un’attenzione particolare all’ambiente sono stati i due motivi che l’hanno spinta a intraprendere questa coraggiosa e solitaria protesta.

 

Iscriviti alla newsletter di Osservatorio Diritti
osservatorio diritti newsletter

Leah al New York Times ha parlato così della sua scelta e di come è cambiata la sua vita nel momento in cui ha lanciato la campagna #BanPlasticUg ed è divenuta un’icona africana e mondiale della lotta all’inquinamento e al cambiamento climatico.

«Ho sempre avuto un’attenzione particolare per l’ambiente. Sin da quando sono bambina le questioni legate all’inquinamento e al riciclaggio mi hanno sempre interessata. Non ho mai sopportato la sporcizia nelle strade e quando ho visto cosa stava facendo Greta, a quel punto, anche io non ho più avuto dubbi: dovevo scendere in strada e fare la mia parte».

Leggi anche:
Cambiamenti climatici e guerre: siccità e inondazioni minacciano la pace
Cambiamenti climatici: le conseguenze su salute e ambiente alla Cop25
Bambini soldato: il racconto di Daniel, arruolato in Nigeria ad appena 11 anni

greta thunberg africa
Leah Namugerwa sciopera per il clima – Foto: via Twitter

Attivismo per l’ambiente e scuola per la Greta d’Africa

«All’inizio la scuola mi appoggiava, soprattutto un’ insegnante. Poi, siccome alcuni genitori dei miei compagni hanno esposto delle rimostranze per il fatto che io saltavo le lezioni, sono dovuta arrivare a un compromesso con i docenti e con la mia famiglia. Con quest’ultima l’accordo è il seguente: mio padre e mia madre mi sostengono e mi concedono di andare avanti a protestare fin tanto che conseguo ottimi risultati a scuola. Con la scuola, invece, siccome risulto assente in classe ogni venerdì, devo poi fare dei corsi pomeridiani e delle lezioni integrative per recuperare il tempo sottratto alla didattica. Per il momento tutto sta procedendo nel migliore dei modi e la protesta, inaspettatamente, sta ottenendo un enorme seguito anche sui social network».

In un’intervista rilasciata alla rivista Africa, Leah Namugerwa ha poi spiegato anche perchè sia importante che l’opinione pubblica si concentri sull’Africa: «Il mondo pensa che noi africani viviamo isolati rispetto a quello che avviene negli altri continenti. Nulla di più sbagliato. Abbiamo internet, abbiamo smartphone e computer e siamo interessati e consapevoli di quello che avviene nel mondo. È bene quindi che anche il pianeta si interessi maggiormente a quanto avviene in Africa».

Leggi anche:
La difesa dell’ambiente uccide: il nuovo report di Global Witness
Cop 24: conferenza Onu sul clima e Ue alle prese col carbone della Polonia
Biafra: gli Igbo continuano a sognare uno stato indipendente dalla Nigeria

greta thunberg africa
“School strike for climate” (Sciopero scolastico per il clima) – Foto: via Twitter

Emergenza plastica e inquinamento

In Africa oggi il problema della plastica e dell’inquinamento non è un’emergenza, ma una tragedia. Secondo i dati forniti dalle Nazioni Unite, delle 8 milioni di tonnellate di rifiuti plastici che finiscono ogni anno negli oceani, 4,4 milioni di tonnellate si trovano nei mari che circondano l’Africa.

Una situazione che è arrivata a livelli apocalittici in alcuni paesi come la Guinea Bissau e la Repubblica democratica del Congo e in altri, come l’Uganda, è un problema di primaria importanza che deve essere arginato nel minor tempo possibile se non si vuole che i danni divengano irreversibili.

A questo proposito, la giovane attivista ugandese ha spiegato: «In Uganda siccità e alluvioni si susseguono con sempre maggior violenza provocando danni enormi. Inoltre siamo invasi dalla plastica, occorre che il governo e i politici passino dalle parole ai fatti. Diversi Paesi africani hanno vietato e messo al bando i sacchetti di plastica, in Uganda tanto se n’è parlato ma ancora non è stato fatto. Occorre la concreta volontà da parte dei politici di impegnarsi a difesa del nostro ambiente».

Leggi anche:
Inquinamento domestico: 3,8 milioni di morti per l’aria di casa
Cambiamenti climatici: la lotta per l’ambiente dimentica i diritti umani
Chernobyl: latte contaminato 32 anni dopo il disastro

greta thunberg africa
#Birthdaytrees – Foto: via Twitter

#BanPlasticUg e #BirthdayTrees: la battaglia per l’ambiente della Greta Thunberg d’Africa va online

Intanto Leah Namugerwa non retrocede e continua ad essere in prima linea, sia nelle strade sia sulla rete, nel portare avanti la sua battaglia. La campagna lanciata dall’attivista africana dal nome #BanPlasticUg è divenuta virale su internet e la ragazza ha promosso un’altra campagna, dal nome #birthdaytrees, che, oltre a invitare a piantare alberi nel giorno del proprio compleanno, ha come obiettivo quello di sensibilizzare l’opinione pubblica su problemi di massima rilevanza come la deforestazione e l’inquinamento prodotto dall’utilizzo dei combustibili fossili.

Problematiche, quest’ ultime, che toccano profondamente il continente africano dove 600 milioni di persone vivono senza elettricità e ricorrono al carbone,  il combustibile più inquinante che esista. Tanto che a livello globale le emissioni di anidride carbonica sprigionate dal carbone sono il 30% in più di quelle sprigionate dalla combustione del petrolio e addirittura il 70% in più di quelle di gas naturale.

Leggi anche:
Olio di palma sostenibile: come funziona la certificazione

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.