Legittima difesa: tutti meno sicuri con la nuova legge che uscirà dalla riforma

Ecco cosa cambia davvero con la riforma dell'art. 52 del codice penale sulla legittima difesa in Italia. La nuova legge, che approda oggi in Senato, renderà tutti meno sicuri: maggiore diffusione delle armi e più reati. Sullo sfondo, gli interessi dei produttori di armi e quelli elettorali

Qualche settimana fa sono stato intervistato da una tv americana, la CBS News. Spenti i microfoni, l’intervistatore mi ha chiesto se sapevo il numero di omicidi per furti e rapine in Italia nell’ultimo anno. Citandogli i dati ufficiali dell’Istat, gli ho risposto: «Sedici». Mi ha guardato sbalordito e mi ha chiesto di ripeterlo. «Yes, sixteen», gli ho replicato. «Ma è il numero di omicidi che si verificano in una settimana a Chicago!», mi ha risposto.

Legittima difesa al Senato: testo basato su menzogna

Il testo della riforma della legge sulla legittima difesa (articolo 52 del Codice penale) che oggi arriva in Senato per la discussione e l’approvazione finale, è stato presentato evidenziando l’aumento dei reati violenti per furti e rapine nelle abitazioni e negli esercizi commerciali a danno dei cittadini. Si tratta di una colossale menzogna.

Tutti i dati ufficiali – che i promotori della legge si guardano bene dal far conoscere – sono eloquenti. Innanzitutto, gli omicidi sono in forte calo rispetto agli anni Novanta (da 1.916 omicidi volontari nel 1991 a 368 nel 2017). In particolare, mostrano una consistente diminuzione gli omicidi compiuti dalla criminalità organizzata (da 342 a 55) e ancor più quelli commessi dalla criminalità comune (da 879 a 144).

I furti nelle abitazioni sono tornati ai livelli di trent’anni fa, prima cioè del fenomeno dell’immigrazione. Le rapine negli esercizi commerciali nell’ultimo decennio sono in consistente calo (da 8.149 nel 2007 a 4.517 nel 2017) e anche quelle nelle abitazioni sono meno di dieci anni fa (erano 2.529 nel 2007, sono state 2.301 nel 2017).

Ma, soprattutto, sono più che dimezzati gli omicidi per furti o rapine: si passa da una media annuale di oltre 80 omicidi ad inizi anni Novanta a circa 30 nell’ultimo quinquennio. Nel 2017 gli omicidi per furti o rapine nelle case degli italiani sono stati 16: è il numero più basso da 30 anni ad oggi. Dov’è l’emergenza?

Leggi anche: Armi alla portata di tutti: le lezioni di Macerata e Stati Uniti

legittima difesa senato
Il Senato della Repubblica italiana (via Wikipedia)

Riforma codice penale (art. 52) a propulsione mediatica

Non vi è, quindi, alcun indicatore dei reati che giustifichi la modifica della legge sulla legittima difesa. Questa modifica, infatti, non dipende dall’aumento dei crimini in Italia, bensì viene proposta per capitalizzare, per scopi propagandistici e politico-elettorali, la percezione di insicurezza che molti italiani, soprattutto i più anziani, provano a fronte del mutamento del tessuto sociale e dei fenomeni migratori.

Uno studio realizzato da Alberto Parmigiani per Lavoce.info nel settembre 2017 evidenzia come tra il 2005 e il 2015 il tempo medio occupato dalla cronaca nera nei telegiornali pubblici dei principali Paesi europei sia stato del 4,7% contro l’8% dei Tg Rai, nonostante in Italia non vi sia alcuna relazione diretta tra tempo di copertura della “cronaca nera” e numero di reati. Tre ore al giorno è il tempo medio che le sette principali reti televisive italiane – Rai, Mediaset e La7 – dedicano alla cronaca nera, spesso portando ed esasperando nell’agenda giornalistica nazionale fatti di cronaca locale.

Iscriviti alla newsletter di Osservatorio Dirittinewsletter osservatorio diritti

Con nuova legge più reati e legittima difesa domiciliare

Come ha evidenziato l’Associazione italiana dei professori di diritto penale (Aipdp), questa modifica ci fa passare dal «diritto di legittima difesa» al «diritto di difesa» nelle abitazioni, negli esercizi commerciali e professionali. E, soprattutto, alla difesa con le armi.

Anche se Salvini insiste a propagandare l’idea che ci si difenderà «con il mattarello della nonna», la nuova norma – rendendo sempre legittima la difesa «con armi legittimamente detenute» – porterà molte persone ad armarsi.

Leggi anche: Armi italiane vendute all’estero per rilanciare il “Sistema Paese”

legittima difesa leggeVi saranno due prevedibili conseguenze, entrambe molto pericolose. Innanzitutto avremo un aumento degli omicidi a seguito di furti e rapine, ma non è affatto detto che le vittime saranno solo o principalmente i rapinatori, perché anche costoro si doteranno di armi e le useranno per aggredire e difendersi.

Ma, soprattutto, vi sarà un consistente aumento di omicidi con armi da fuoco in ambito familiare e interpersonale che sono, già oggi, gli ambiti più pericolosi e in cui si verificano più di un terzo degli omicidi, cioè tanti quanti ne commettono le mafie o la criminalità comune. Nel 2017, a fronte di 16 omicidi per furti e rapine, sono stati più di 40 omicidi con armi detenute da legali detentori di armi.

Come avverte una ricerca del Censis, «con il cambio delle regole e un allentamento delle prescrizioni, ci dovremmo abituare ad avere tassi di omicidi volontari con l’utilizzo di armi da fuoco più alti e simili a quelli che si verificano oltre Oceano. Le vittime da arma da fuoco potrebbero salire in Italia fino a 2.700 ogni anno, contro le 150 attuali, per un totale di 2.550 morti in più». Nessuna maggior sicurezza, quindi. Anzi, l’esatto contrario.

Legittima difesa in Italia: gli interessi in gioco

Ma allora perché questa riforma? Chi ha interesse a promuovere le politiche che incentivano la diffusione delle armi? Innanzitutto i produttori italiani di armi. Da diversi anni, infatti, il mercato delle armi da caccia in Italia è in forte crisi. Va quindi creato un nuovo mercato, quello appunto delle armi da difesa personale (pistole, revolver, fucili a pompa e anche fucili semiautomatici, quelli che vengono usati per fare stragi in America). E per incentivare questo mercato occorre far leva sulla paura e sulla necessità di difendersi.

Leggi anche: Marcia della pace: da Perugia ad Assisi contro la cultura della violenza

legittima difesa

Proprio per questo le aziende produttrici di armi hanno dato il loro sostegno ad associazioni di cosiddetti “appassionati” il cui obiettivo dichiarato in pubblico è quello di promuovere “i diritti” dei detentori legali di armi, ma la cui reale intenzione è quella di introdurre in Italia un vero e proprio “diritto alle armi”, come negli Stati Uniti.

Il leader della Lega, Matteo Salvini, si è fatto promotore delle istanze di queste associazioni firmando l’anno scorso a HIT Show, la fiera delle armi di Vicenza, un “Patto d’onore”: lo ha fatto perché conosce bene la capacità di queste associazioni e dei produttori di armi di convogliare verso di lui il voto di quella parte dell’elettorato che invoca a gran voce norme meno restrittive sulle armi e, soprattutto, di poterle usare con maggior facilità.

Lo hanno capito anche i giornalisti della tv americana CBS News, di cui ho parlato più sopra. «Più del 50% delle armi comuni prodotte in Italia viene esportato negli Stati Uniti. È venuto il momento che l’Italia, in ritorno, cominci ad importare qualcosa: parts of America’s gun culture», parti della cultura americana delle armi.

3 Commenti
  1. Carlo dice

    Notare al solito la selezione accurata delle date e l’uso dei soli dati che avvalorano la propria tesi, scartando quelli contrari.
    “I furti nelle abitazioni sono tornati ai livelli di trent’anni fa, prima cioè del fenomeno dell’immigrazione. Le rapine … nelle abitazioni sono meno di dieci anni fa (erano 2.529 nel 2007, sono state 2.301 nel 2017).”
    Perché per i furti nelle abitazioni non vengono usati i dati 2007-2017? Perché sono AUMENTATI del 30%.
    Dal sito istat: Furti nelle abitazioni: 2007 (166.848), 2017 (195.824).

    1. Giorgio Beretta dice

      Lei confonde i “furti” con le “rapine”: non sono la stessa cosa e pongono due problemi diversi. Come ho scritto (ed è corretto) “i furti nelle abitazioni sono tornati ai livelli di trent’anni fa, prima cioè del fenomeno dell’immigrazione”: erano infatti (compresi quelli negli esercizi commerciali) 210.835 nel 1990 (anno della legge Martelli) e sono stati 195.824 nel 2017. Il furto pone un problema generale di sicurezza ma, a differenza della rapina, non implica alcuna minaccia alla persona (che spesso nemmeno è presente in casa): per cui non si può invocare la “legittima difesa” per un furto perchè non c’è alcuna minaccia e spesso nemmeno la presenza del derubato. Per questo il dato significativo, per verificare l’eventuale necessità di modificare le norme sulla legittima difesa, non sono i furti, ma le rapine nelle abitazioni e negozi che – come ho scritto – “sono invece in consistente calo”. Usare, quindi, come fa lei il dato dell’aumento dei “furti nelle abitazioni” negli ultimi 10 anni significa o non comprendere i termini del problema o voler confondere apposta chi non conosce la materia. In qualsiasi caso il dato dei furti nelle abitazioni è fuorviante e pretestuoso e non c’entra niente col problema della “legittima difesa”.

  2. Monica Bruni dice

    Il diritto di difesa c’è ma non si può tenere un’arsenale in casa visto che le armi sono pericolose contro di sè più che contro gli altri: Giulia Bongiorno dovrebbe, secondo me, aprire una semplice raccolta firme su questo argomento perchè i cittadini si rendano conto che le armi fanno comunque male: possibile quesito sarebbe L’ARMA LA USI PER DIFENDERTI COME? generalizzare non si può ma si potrebbe avere una scheda con le scelte PER ODIO, CONTRO GLI IMMIGRATI, NELLA MIA PROPRIETA’ PRIVATA, CONTRO I LADRI. Un suggerimento da cittadina.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.