Festival Cinema Africano: a Milano la rassegna d’Africa, Asia e America Latina

Il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (Fescaaal) torna a Milano dal 23 al 31 marzo. L'edizione 2019, la 29esima, ha selezionato 60 film e rivolge un'attenzione particolare alle nuove generazioni. Osservatorio Diritti è media partner dell'evento

Il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – Fescaal torna a Milano dal 23 al 31 marzo per la 29esima edizione. Dal 1991 è l’unica rassegna in Italia dedicata al cinema e alla cultura di questi tre continenti. Per nove giorni Milano ospiterà proiezioni, eventi e incontri con autori.

Anche quest’anno Osservatorio Diritti è media partner del Festival e per i nostri lettori ci sono tre tessere abbonamento in palio. Per partecipare all’estrazione bisogna: inviare entro il 19 marzo un’email a segreteria@osservatoriodiritti.it con oggetto “FESCAAAL 2019 – Abbonamenti”; essere iscritti alla nostra newsletter; seguire la pagina Facebook del Festival e quella di Osservatorio Diritti.

Festival del Cinema Africano: i film in programma nella rassegna 2019

Tra i circa 700 film visionati per questa edizione 29 del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – Fescaaal, quelli selezionati sono 60. Il concorso ufficiale comprende tre sezioni: Lungometraggi Finestre sul Mondo include fiction e documentari in anteprima nazionale; Cortometraggi Africani è dedicato ai registi esordienti provenienti da tutta l’Africa; Concorso Extr’A con opere di registi italiani girate in Africa, Asia o America Latina.

Si affiancano le sezioni parallele E Tutti ridono, dedicata alle commedie, e Flash, con opere in anteprima di registi affermati. Le proiezioni del Festival si tengono presso l’Auditorium San Fedele, lo Spazio Oberdan e l’Arcobaleno Filmcenter.

festival cinema africano
Un fotogramma di Induced Labor, commedia egiziana di Khaled Diab

Anche questa edizione 2019 del Fescaaal fissa l’attenzione sull’attualità e sulle tematiche socio-politiche dei tre continenti. Le opere presentate parlano di guerra e terrorismo, come nel caso di Divine Wind dell’algerino Merzak Allouache (vincitore ex-aequo del Festival 2016 con Madame Courage), che racconta la psicologia di una coppia di terroristi dell’Isis alla vigilia di un attentato.

Tra i temi affrontati ci sono anche la condizione femminile Flatland di Jenna Bass narra la fuga rocambolesca di due donne sudafricane; mentre il primo lungometraggio girato da una regista libica, Freedom Fields, di Naziha Arebi, racconta la vicenda di una squadra di calcio femminile in Libia – e il lavoro, con Les Coursiers de la République di Badredine Haouari, documentario sui rider del cibo a domicilio a Parigi.

Ma, soprattutto, quest’anno sono tanti i film che raccontano i giovani, le loro sfide e inquietudini. Omertà di Mariam Al Ferjani e Mehdi Hamnane segue un gruppo di ragazzi tunisini sconvolto dalla partenza in mare di un loro amico; Best Day Ever di Anissa Daoud e Aboozar Amini racconta la giornata di una famiglia, padre, madre e due figli adolescenti.

Iscriviti alla newsletter di Osservatorio Dirittinewsletter osservatorio diritti

Anche il film di apertura ha per focus le nuove generazioni. Per la prima volta una regista italiana inaugura la rassegna: Laura Luchetti con Fiore Gemello affronta il tema dei migranti attraverso la storia d’amore e amicizia di Anna e Bassim. I due attori, Kallil Koné e Anastasyia Bogach, sono entrambi esordienti.

Ormai da anni il Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – Fescaaal è un’occasione per conoscere talenti del cinema: un esempio è il caso del siriano Talal Derki e del suo Of Fathers and Sons, presentato in anteprima italiana al Festival del Cinema Africano 2018, quest’anno figurava tra i candidati agli Oscar 2019 come Miglior Documentario.

Festival Cinema Africano di Milano: le novità della 29esima edizione

Dalla storica collaborazione tra Fescaaal e Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano, nasce Hidden Dragons: presentate in anteprima nazionale tre opere dell’ultima generazione di registi cinesi selezionate da Marco Müller, direttore del Pingyao Crouching Tiger Hidden Dragon International Film Festival.

festival cinema africano
Un fotogramma dal film El Abuelo di Gustavo Saavedra Calle

Insieme al Comune di Milano – Ufficio Reti e Cooperazione Culturale, e al Mudec, all’interno del Festival nasce una sezione dedicata al cinema del Perù che si inserisce nel vasto palinsesto di Milano Città Mondo #04 Perù. Tra le opere presentate, un classico come La teta asustata della regista Claudia Lllosa, Orso d’Oro a Berlino 2009, e El Abuelo di Gustavo Saavedra Calle.

Fescaaal 2019 tra formazione, dibattiti e incontri

L’edizione 2019 del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – Fescaaal guarda ai giovani non solo attraverso i film del concorso, ma anche mediante proiezioni speciali e iniziative rivolte alle scuole.

Dal 25 al 30 marzo si terrà il primo MiWorld Young Film Festival – MiWY, il primo e unico festival di cinema per le scuole in Italia che ha come scopo l’incontro tra le nuove generazioni di studenti e il cinema e la cultura di Africa, Asia e America Latina.

Sei giorni, tredici film, iniziative rivolte a studenti e docenti come premi, corsi di formazione e un seminario internazionale. Il MiWY prevederà inoltre proiezioni mattutine dedicate alle scuole. MiWorld Young Film Festival  è un progetto all’interno delle attività educative e didattiche organizzate dall’Associazione Coe, organizzatrice del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina.

festival cinema africano milano
La copertina del MiWorld Young Film Festival

Il Festival Center del Casello Ovest di Porta Venezia ospita quest’anno la mostra fotografica Maggic Cube di Adji Dieye, a cura di Maria Pia Bernardoni del LagosPhoto Festival: quindici foto inedite dell’artista italo-senegalese dedicate alla comunicazione pubblicitaria di prodotti alimentari occidentali venduti ed esportati in Africa.

Arriva anche il terzo appuntamento di AfricaTalks, evento speciale in collaborazione con Fondazione Edu: un approfondimento su temi e questioni legate alla tecnologia e all’innovazione in Africa. AfricaTalks si tiene lunedì 25 marzo alle 18.30 all’Auditorium San Fedele. Parteciperà all’incontro Marc Augé, tra i pensatori più significativi dell’antropologia contemporanea.

La 29ma edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina apre ufficialmente domenica 24 marzo, alle 20.30, all’Auditorium San Fedele di Milano.

Leggi anche:
Andrea Segre presenta Ibi
Festival del Cinema Africano 2018 al via con “Une saison en France”
Sami Blood: i primi abitanti della Lapponia protagonisti di un film
Film sull’immigrazione: Stranger in Paradise, l’Europa dialoga coi migranti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.