L'informazione indipendente sui diritti umani

Brasile: con Bolsonaro presidente traballano i diritti degli afrodiscendenti

Dopo le elezioni in Brasile e la vittoria di Jair Bolsonaro come nuovo presidente del Paese, le comunità dei discendenti degli schiavi, i quilombo, temono che il lungo cammino verso il riconoscimento dei propri diritti sia costretto a frenare e regredire. Ecco un reportage dal Paraíba, uno Stato che conta una forte presenza di afrodiscendenti

da João Pessoa (Paraíba, Brasile)

Dal ciglio della montagna sulla quale si aggrappano tenacemente le case del quilombo Grilo, Maria de Lourdes, 76 anni, osserva, in silenzio, il panorama dei campi coltivati a mais, fagioli e macaxeira, la manioca tipica di questa regione del Nordest brasiliano, il Paraíba. Maria de Lourdes vive qui con suo marito Severino, 73 anni d’età.

Il loro racconto è simile a quello di tanti altri quilombola, i discendenti degli schiavi africani portati a forza in Brasile che, una volta liberi, sono riusciti a mettersi insieme per fondare una comunità. Una storia fatta di qualche vittoria e di tante lotte per vedere riconosciuti diritti umani spesso in contrasto con gli interessi di grandi gruppi economici e di potenti coalizioni politiche. Una battaglia che si ripropone ancora oggi, alla vigilia dell’insediamento del nuovo presidente, Jair Messiah Bolsonaro, l’esponente di estrema destra che ha vinto le ultime elezioni in Brasile e che prenderà la guida del paese il 1° gennaio 2019.

Leggi anche:
Elezioni Brasile: Bolsonaro appoggia la violenza di Stato
Elezioni Brasile 2018: sondaggi e candidati alla prova dei diritti umani

brasile quilombo
Maria de Lourdes e Severino – Foto: Giulia Cerqueti

Maria e Severino, comunità-città andata e ritorno

Severino lavorava come contadino nella terra del fazendeiro, il grande proprietario terriero. A 70 anni ha imparato a guidare la motocicletta, ne ha comprata una e ora va in giro nei vicini centri urbani fuori dal quilombo.

Tanti anni fa anche lui e Maria de Lourdes, come molti altri abitanti di queste comunità afrodiscendenti, erano emigrati a Rio de Janeiro pensando di trovare l’El Dorado. Ma alla fine sono tornati nella loro comunità, che non hanno più abbandonato.

Accanto a Maria de Lourdes, Luigi Zadra, ex missionario comboniano oggi volontario laico, trentino, indica in lontananza un casale azzurro: è la «casa grande», spiega, l’abitazione dei fazendeiro. Oggi buona parte di questa terra appartiene alla comunità quilombola, che ha ottenuto il riconoscimento del diritto di proprietà comunitaria inalienabile.

brasile
Severino davanti alla sua abitazione – Foto: Giulia Cerqueti

Quilombo: significato, storia e definizione

La storia delle comunità quilombola è legata a quella del colonialismo in Brasile, che nell’arco di tre secoli deportò e ridusse in schiavitù quasi quattro milioni di africani. Gli ex schiavi, fuggiti dai latifondi o affrancati, si riunivano in luogo impervi, isolati, difficilmente espugnabili, sulle montagne, nelle foreste, per dare vita a nuovi nuclei abitativi, sociali e familiari, autogestiti in forma comunitaria, dove preservare la loro cultura, le tradizioni, la religiosità.

Iscriviti alla newsletter di Osservatorio Dirittinewsletter osservatorio diritti

Economia rurale e terra per i quilombola del Brasile

I quilombo hanno vissuto una storia difficile, sofferta, hanno combattuto e resistito per affermare la loro esistenza, per reclamare i loro diritti alla conservazione della propria identità, mantenersi ancorati alle loro radici e soprattutto ottenere il diritto fondamentale alla terra che a loro spetta.

 «Nero non si nasce, si diventa. La consapevolezza della propria identità si acquisisce con il tempo, nel corso della vita», dice Zadra.

brasile
Luigi Zadra – Foto: Giulia Cerqueti

«Il quilombo per sopravvivere ha bisogno del territorio, che è un concetto diverso dalla terra: territorio non significa soltanto sostentamento economico, fa riferimento a un patrimonio di storia, antropologia, cultura, radici, consapevolezza». Le comunità sono essenzialmente rurali, vivono di agricoltura familiare, pesca, attività artigianali.

Insediamenti afrodiscendenti nel Paraíba

Zadra si occupa di sostegno ai quilombo attraverso l’Associazione di sostegno agli insediamenti e alla comunità afrodiscendenti (Aacade) nata nel 1997. Nel Paraíba attualmente esistono 39 comunità, la prima ha ottenuto il riconoscimento nel 2011. «Ma la rivendicazione territoriale», spiega Zadra, «viene dopo, è uno stadio avanzato, più complesso, che spesso divide i quilombola stessi. Molti preferiscono lasciar stare per paura di ritorsioni, minacce e violenze contro la comunità».

Grilo, a quasi 100 chilometri dalla capitale dello Stato, João Pessoa, è una comunità tradizionale, ancora molto isolata, ma già attiva e propositiva. Alcuni mesi fa qui è nata la Casa della donna quilombola, un centro di aggregazione sostenuto da Aacade. Nella comunità vivono circa 70 famiglie, che vanno avanti grazie a un’economia di sussistenza fondata sull’agricoltura.

brasile donne
La casa della donna quilombola – Foto: Giulia Cerqueti

«Ma la terra non basta. Così molti vanno a cercare lavoro nelle città vicine, a partire da Campina Grande». Come Leonilda, 56 anni, uno scricciolo di donna dalla forza immensa. Quattro figli, un marito con problemi di alcolismo, lei è l’unica donna qui a lavorare come muratore. Quando le arriva la chiamata, lei va nei cantieri.

Geografia e presenza degli afrodiscendenti brasiliani

La resilienza di questo popolo trova espressione nel Conaq, il Coordinamento nazionale di articolazione delle comunità quilombola rurali nere che ad oggi stima circa 2.847 insediamenti riconosciuti, per la maggior parte nel Nordest del paese, e 1.533 processi aperti.

Leggi anche:
San Paolo, Brasile: crolla il palazzo simbolo della disuguaglianza 

Il riconoscimento e la definizione ufficiale di “quilombo” non sono questioni di poco conto: solo con il completamento di questi passaggi formali si può accedere ai programmi sociali dello Stato e, quindi, avere una maggiore possibilità di uscire dall’emarginazione e dalla povertà.

Razzismo e violenza contro i quilombo in Brasile

Nella pratica quotidiana, i diritti dei quilombola continuano a essere violati e minacciati, dando origine a forti tensioni sociali. Secondo una recente ricerca intitolata “Razzismo e violenza contro i quilombo in Brasile”, gli omicidi di quilombola sono aumentati del 350% in un anno: dai quattro del 2016 si è passati ai 18 del 2017. Tra il 2008 e il 2017 su 36 assassini, 29 sono avvenuti nel Nordest, regione che si distingue per una storia di resistenza legata alla terra.

Lo studio è stato promosso dal Conaq con la Ong Terra dei diritti, in collaborazione con il Collettivo di consulenza legale Joãozinho de Mangal e l’Associazione di avvocati di lavoratrici e lavoratori rurali della Bahia.

brasile
Maria de Lourdes nel quilombo Grilo – Foto: Giulia Cerqueti

La Costituzione, Cardoso e Lula: Brasile e quilombola

La Costituzione del 1988 (dopo la fine della dittatura) per la prima volta ha sancito il diritto alla proprietà territoriale collettiva, ma il cammino di riscatto dei quilombola è stato complicato, strenuamente osteggiato dagli interessi delle grandi imprese e dei gruppi ruralisti, dai partiti di destra e da un razzismo radicato nella società che considera gli afrodiscendenti cittadini di serie B rispetto alla popolazione bianca, nutrendosi di stereotipi discriminatori e classisti.

Gli ultimi 30 anni sono stati una storia altalenante tra passi avanti e battute d’arresto. Nel 2001 il governo Cardoso ha introdotto il marco temporal (limite temporale), ovvero l’obbligo per i quilombo di fornire prove certe dell’esistenza continuativa della loro comunità fin dal 1888, anno dell’abolizione della schiavitù, fino al 1988.

Il marco temporal è stato superato dal primo governo Lula: nel 2003 il decreto 4.887 ha fissato il diritto di “auto-attribuzione” come unico criterio per la definizione delle comunità quilombola e ha stabilito che ad esse dovessero essere assicurati beni territoriali sufficienti per la loro esistenza e il loro sviluppo. Nel 2004 il governo ha lanciato il Programma Brasile Quilombola, gestito dalla Segreteria delle politiche di promozione dell’uguaglianza razziale (Seppir).

Leggi anche:
Brasile: Lula verso carcere, ma su condanna c’è l’ombra dell’esercito

Con Temer cresce il potere del capitale agrario

Il decreto 4.887 è sempre stato ostacolato dall’oligarchia agraria. A minacciare la sua attuazione è stato il Partito di centro-destra Democratas (Democratici), che nel 2012 ha avanzato la richiesta di dichiarazione di incostituzionalità del decreto. La battaglia ha ottenuto una risoluzione a febbraio 2018, quando il Supremo tribunale federale ne ha confermato la costituzionalità.

D’altro canto, dopo l’impeachment nel 2016 dell’allora presidente Dilma Rousseff, il governo di Michel Temer ha spalleggiato le rivendicazioni della destra liberale, delle multinazionali e dell’oligarchia agro-industriale, ha bloccato i processi per il riconoscimento di nuovi insediamenti e ha trasferito l’Incra (Istituto nazionale di colonizzazione e riforma agraria), l’ente federale preposto alla demarcazione delle terre, dal ministero dello Sviluppo agrario a quello della Casa Civil.

Brasile post-elezioni: presidente Bolsonaro e quilombo

brasile bolsonaro
Jair Bolsonaro – Foto: Fabio Rodrigues Pozzebom / Agencia Brasil (via Flickr)

Ora, l’ascesa alla presidenza dell’ex militare populista di estrema destra Bolsonaro preoccupa la popolazione afrodiscendente. Del resto, i presupposti gettano ombre pesanti sul futuro operato del presidente: ad aprile 2017, durante un evento elettorale a Rio de Janeiro, dopo essersi espresso contro indigeni, donne, omosessuali, rifugiati, Bolsonaro ha affermato che, in caso di elezione, non avrebbe più concesso un centimetro di terra demarcato a indigeni e quilombola.

«Sono stato in un quilombo. Non fanno niente. Penso che gli afrodiscendenti non servano più nemmeno per procreare», aveva dichiarato Bolsonaro.

Affermazioni che non sono scivolate via senza suscitare reazioni e che gli sono valse un’azione civile – condotta a Rio dai procuratori della Repubblica Ana Padilha e Renato Machado – con l’accusa di aver usato informazioni distorte, espressioni ingiuriose, prevenute e discriminatorie con l’intento di ridicolizzare e disumanizzare un gruppo etnico.

Al termine del processo di primo grado, ad ottobre 2017, l’allora deputato era stato condannato al pagamento di 50 mila reais – circa 12.000 euro – come indennizzo per danni morali collettivi alle comunità quilombola e alla popolazione nera. Condanna cancellata di recente, però, nel secondo grado di giudizio.

Cartina del Brasile (capitale Brasilia)

8 Commenti
  1. Filippo dice

    Lula é un ladro.
    Ci sono 2000 pagine di prove a sostegno di quanto detto. Non gli è stato violato nessun diritto. Ha affondato l’ economia del Brasile e permesso politiche ociaki screditare come sempre fa la sinistra. Deve restare in carcere!

    1. Redazione dice

      Grazie per avere condiviso con noi la sua opinione. Ricordiamo a tutti i nostri lettori che, naturalmente, chi scrive commenti che possono ledere la dignità di una persona ne resta pienamente e personalmente responsabile. Chi oltrepassa il limite, cercando di pubblicare insulti fini a se stessi, inoltre, non vedrà pubblicato il proprio commento. Grazie e cordiali saluti

  2. Maria dice

    Siamo multo felice per questa vittoria di bolsonaro nostro paese la criminalità e troppo alta a educazione e salute e la peggio di su da America siamo un paese ricco e non abbiamo niente siamo screditato in tutto mundo io sono segura che il nostro presidente jair bolsonaro abbia tanto altro da fare che preoccupare con tran donna lui non e tassista lui e corretto si uomo donna bianchi neri brasiliano o meno dobbiamo pagare viva nostro presidenza

    1. Redazione dice

      Grazie per avere condiviso con noi la sua opinione!

  3. Silvia Brenna dice

    Sono una volontaria che collabora con le comunità quilombolas del Paraiba. Grazie per questo bellissimo articolo di Giulia e per l’attenzione che date al Brasile e al resto del mondo. Poco si sente commentare di “vero” e “fondato” riguardo alla situazione dei diritti umani, del carcere del Presidente Lula e delle nuove elezioni. Abbiamo bisogno di queste informazioni per dare voce a chi normalmente non ne ha e per uscire dal nostro “orticello”, ricordandoci che, vicini o lontani, siamo tutti essere umani e viviamo tutti sullo stesso Pianeta. Grazie!

    1. Redazione dice

      Grazie a lei per il bellissimo commento!

  4. Ana Cristina Ribeiro dice

    Ma perché vi interessa così tanto il Brasile in questo momento? Pensate piuttosto alla vostra di politica.

    1. Redazione dice

      Gentile Ana, grazie per aver condiviso la sua opinione con noi. Come potrà notare se ci segue con attenzione, scriviamo ogni giorno di posti vicini e lontani, con il solo intento di denunciare violazioni di diritti umani. E abbiamo deciso di non darci dei confini geografici nel nostro lavoro di giornalisti, perché i diritti umani hanno la stessa dignità ovunque. In Brasile, come in Italia, come in qualunque altra parte del mondo. Cordiali saluti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.