Milano: accoglienza profughi allo stremo

Il sistema d'accoglienza dei richiedenti asilo a Milano è in tilt e spesso ai rifugiati non resta che andare per strada. E col freddo la situazione diventerà ingestibile. Lo denunciano Progetto Arca, Comunità di Sant'Egidio, Caritas, Memoriale della Shoah, Chiesa Valdese. Che chiedono il «coraggio politico di uscire dal sistema dell'emergenza»

Le realtà del terzo settore che da anni gestiscono l’accoglienza dei profughi a Milano lo ripetono da almeno sei mesi: attenzione, non ci sono più posti. E sia per chi si è visto rifiutata la domanda d’asilo, ma anche per chi lo status di rifugiato l’ottiene, non rimane che la strada. Il blitz delle forze dell’ordine in stazione centrale nel maggio scorso, così come la vicenda di Saidou Mamoud Diallo, l’uomo che ha accoltellato lunedì un agente in piazza Duca d’Aosta e al quale era stata negata la domanda d’asilo, hanno reso di pubblico dominio quello che gli addetti ai lavori denunciano da tempo. Il sistema d’accoglienza è allo stremo. E il problema non riguarda solo Milano.

«La situazione sta peggiorando di settimana in settimana, ma non siamo ancora nella fase più critica. Pensate a cosa succederà con l’arrivo dell’inverno: centinaia di migranti, regolari e irregolari, che bisogna salvare dal freddo», dice Alberto Sinigallia, presidente di Progetto Arca che gestisce due centri di accoglienza e l’hub di via Sammartini.

Associazioni, cooperative e onlus accolgono attualmente circa 3.600 profughi, ma nessuno sa quanti vivano ora in strada. «Il problema è che è un sistema che genera senza dimora. Noi li accogliamo appena arrivano, poi quando il loro iter burocratico si conclude, con il respingimento o con la concessione dello status di rifugiato, non ci sono altri posti dove possano andare a vivere e seguire un percorso di inserimento lavorativo e abitativo», aggiunge Sinigallia.

Leggi anche:
Prato: 100 profughi lasciati per strada
A Bolzano 200 profughi vivono in strada

Sprar, l’accoglienza profughi che funziona sulla carta

Ci sarebbe, per la verità, lo Sprar, il sistema centrale di protezione per richiedenti asilo e rifugiati. È incentrato sulla disponibilità dei Comuni ad accogliere i profughi secondo progetti prestabiliti e con fondi del Governo ed è un sistema che funziona, perché basato sull’accoglienza di piccoli numeri. Ma i sindaci temono le proteste dei cittadini e preferiscono non partecipare ai bandi.

E così in Italia i posti Sprar sono appena 23 mila a fronte di oltre 100 mila profughi ospitati nei Centri di accoglienza straordinaria (Cas) gestiti con il coordinamento delle Prefetture e spesso imposti ai Comuni. In altri termini, si continua a puntare su una gestione emergenziale (i Cas) e non su una programmazione e un’accoglienza diffusa su tutti i comuni (lo Sprar).

Memoriale Shoah e Sant’Egidio ci mettono una pezza

Per la terza estate consecutiva, la fondazione Memoriale della Shoah di Milano in collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio ha deciso di mettere a disposizione i propri spazi per l’accoglienza di 35 persone ogni notte. Dal 2015, anno in cui questo progetto di accoglienza ha avuto inizio, il Memoriale ha offerto riparo e asilo a 6.350 profughi – uomini, donne, bambini – provenienti da Eritrea, Siria, Sudan ed altri 23 paesi, mettendo a disposizione brandine fornite dalla Protezione civile, pasti caldi e servizi igienici. Un lavoro condotto in tandem con i volontari della Comunità di Sant’Egidio, responsabile del coordinamento e della gestione dell’accoglienza.

«Da domenica a oggi abbiamo accolto sia profughi transitanti (che intendono proseguire il viaggio verso i il nord Europa, ndr), sia persone che hanno già fatto richiesta d’asilo in Italia. C’è molto spaesamento tra questi ultimi, non sanno a chi chiedere, dove andare e come risolvere i loro problemi. Vivono anche loro in strada e per settimane intere, perché non c’è posto per loro nelle comunità», dice Stefano Pasta della comunità di Sant’Egidio.

Coraggio politico per uscire dal sistema dell’emergenza

Stefano Pasta è convinto che «per uscire da questa specie di cortocircuito che crea di fatto nuovi senza dimora, sia necessario più coraggio politico, sia a livello nazionale che europeo. E alcuni strumenti ci sono già: la direttiva europea sul lasciapassare umanitario e l’istituzione dei corridoi umanitari».

Sant’Egidio, insieme alla Chiesa Valdese, li sta organizzando e hanno già garantito ad alcune centinaia di profughi di arrivare in Italia in aereo sani e salvi e di essere accolti in piccoli centri, con la collaborazione del volontariato e delle istituzioni.

A chiedere più coraggio politico e una progettazione nazionale dell’accoglienza c’è anche Anna Maria Lodi, presidente del consorzio Farsi Prossimo, promosso dalla Caritas Ambrosiana, che accoglie soprattutto famiglie e donne con bambini. «Finché l’Unione europea non cambierà il suo approccio al tema, ci ritroveremo in questa situazione. C’è poi da rivedere tutta la legislazione italiana, perché ormai è obsoleta», sostiene Anna Maria Lodi.

Per Sinigallia «manca una programmazione nazionale. Non si può continuare a gestire un fenomeno di questo genere con il sistema dell’emergenza. Ogni giorno riceviamo telefonate dalla Prefettura che ci chiede se abbiamo posti liberi. E la nostra risposta è sempre no. Ma possibile che a livello nazionale non si riesca a organizzare un sistema di posti letto e strutture così da non essere sempre con l’acqua alla gola?».

(fonte: Redattore sociale)

Per approfondire:
Accoglienza migranti sotto la lente
Milano dice sì all’accoglienza
Milano, sgomberati centinaia di africani

Ti potrebbe interessare anche Altri articoli dell'autore

Commenti